Le piccole gocce che fanno tremare il mare di menzogne e propaganda

Un mare di menzogne e propaganda rischia di cancellare sotto le sue onde cupe l’Italia; pare assurdo, il 1847 è lontano ma l’Italia è tornata ad essere un’espressione geografica e niente altro. A renderla tale non è stato l’austriaco Klemens von Metternich ma l’ italianissimo Mario Draghi.

Tutto è perduto. Il sacrificio della patria nostra è consumato: tutto è perduto; e la vita, seppure ne verrà concessa, non ci resterà che per piangere le nostre sciagure, e la nostra infamia.

Le ultime lettere di Jacopo Ortis, Ugo Foscolo

In un periodo così tragico la Sinistra italiana, nonostante le disgustate e dimenticate dimissioni di Zingaretti, sceglie di incollarsi alle poltrone e di essere complice di una deriva neoliberista che non ha precedenti.

Un atteggiamento non dissimile, camaleontico e iniziato ben prima del Covid è quello dei Cinque Stelle per i quali, a seconda di chi li rappresenta, può essere chiamata in causa la celeberrima classificazione di Leonardo Sciascia:

Quella che diciamo l’umanità, e ci riempiamo la bocca a dire umanità, bella parola piena di vento, la divido in cinque categorie: gli uomini, i mezz’uomini, gli ominicchi, i (con rispetto parlando) pigliainculo e i quaquaraquà. Pochissimi gli uomini; i mezz’uomini pochi, ché mi contenterei l’umanità si fermasse ai mezz’uomini. E invece no, scende ancor più giù, agli ominicchi: che sono come i bambini che si credono grandi, scimmie che fanno le stesse mosse dei grandi. E ancora più giù: i pigliainculo, che vanno diventando un esercito. E infine i quaquaraquà: che dovrebbero vivere come le anatre nelle pozzanghere, ché la loro vita non ha più senso e più espressione di quella delle anatre.

Il giorno della civetta, L. Sciascia

Tra gli uomini annovero Giuseppe Conte, il senatore Mattia Crucioli, il senatore Gianluigi Paragone.

Si deve pagare per lavorare. Il Green Pass è una vigliaccata
Gianluigi Paragone, leader di Italexit e la sua battaglia contro il Green Pass

Il primo, pur delegittimato da un colpo di Stato, è rimasto nel Movimento e sembra ancora credere in un post Draghi a trazione PD-Cinque Stelle; è uno dei migliori oratori che il Paese ha conosciuto di recente, l’uomo giusto per poter tenere l’Italia intera bloccata in casa.

Scrive Circolo 20 News:

Un Giuseppe Conte d’area gesuita, appoggiato dal medesimo potere decisionale che pilotava Giulio Andreotti. La curiosità vien leggendo e l’accenno alla stessa parola “potere” come potenza concentrata in poche mani, rende tutto credibile, poiché ormai dovrebbe essere chiaro a tutti che la parola “governo” non è fatta per il bene del popolo, ma per servitù al potere. La prova è che ogni governo, una volta insediato, puntualmente non mette in atto il programma prefissato, ma segue una strada già segnata dai governi precedenti.

Carlo Mariano Sartoris

Eppure quest’uomo è stato fermato da Renzi, su cui è inutile qualsiasi commento, e da Di Maio, perché? Ci risponde Stefano Villa, responsabile organizzativo della provincia di Genova di Italexit, un partito che nel Nord Italia sta raccogliendo importanti consensi:

Di Maio è l’uomo che ha tradito i Cinque Stelle, l’archetipo di colui che lavora nell’ombra e che è disposto ad allearsi con chiunque pur di rimanere al potere. Conte non è di certo un innocente ma è stato sostituito dall’uomo dei poteri forti.

Stefano Villa
Il primo tradimento dei Cinque Stelle

Dei poteri forti, attenzione, e non dai poteri forti come vorrebbe la maggioranza. E infatti Draghi non è che il burattino perfetto di chi esige la totale resa dell’Italia con buona pace del povero Goffredo Mameli morto a soli 21 anni nel 1849 a seguito di una ferita dovuta alla strenua difesa della Repubblica Romana.

E mira al Colle il nostro Draghi? Non sarebbe meglio se diventasse presidente della repubblica nella non malvagia ottica del promoveatur ut amoveatur?

No. Assolutamente no. Il Presidente della Repubblica deve essere il garante della Costituzione e, soprattutto, ha il compito di essere il rappresentante di tutti gli Italiani. Mattarella si deve essere sentito costretto a dare il Paese in mano a Draghi e poi…lo ha seguito in tutto.Già così ci troviamo nei guai: Sandro Pertini non avrebbe mai permesso l’applicazione di norme illiberali e anticostituzionali. Draghi al Colle sarebbe garanzia di tragedia poiché firmerebbe qualsiasi cosa gli venisse ordinata nel silenzio del dibattito pubblico.

Stefano Villa

Guardo Stefano attraverso lo schermo:

Perché hai scelto di militare nel partito di Paragone? Non è un uomo discusso? Si vocifera molto sul suo conto.

Si vociferava sui bonifici che non avrebbe versato ma si sosteneva il falso. Gianluigi Paragone ha versato i bonifici che, in origine, i Cinque Stelle avevano previsto per finanziare le imprese italiane. Una volta assaggiato il Potere però, il Movimento ha disatteso scientemente le politiche economiche per cui era stato votato dai cittadini evitando di tassare a dovere i grandi colossi e le multinazionali.

Stefano Villa
Stefano Villa intervista la sedia vuota del virologo Bassetti che non ha accettato l’invito a un confronto lontano dai set televisivi

Anche tu quindi sei uno dei delusi dal Movimento Cinque Stelle?

Nonostante io sia figlio della generazione Erasmus e abbia profondamente creduto nella possibilità di un’Europa dei popoli, benché io sia vissuto per un periodo a Berlino e anzi, forse, proprio per questo, mi sono reso conto che un’Europa così concepita avrebbe continuato ad arricchire le aristocrazie finanziarie. Aristocrazie…direi oligarchie. Per cui sì, dei Cinque Stelle mi piaceva l’idea dell’uscita da una moneta unica che, di fatto, indebita i Paesi membri più deboli; ero inoltre certo che il Movimento non si sarebbe mai corrotto con la Destra neoliberista…che dire! I pugni in faccia fanno crescere.

In Italexit vedi una speranza?

Mi fido di Gianluigi Paragone, Italexit può sembrare una goccia tra tante ma siamo determinati a portare avanti la battaglia per riprenderci la sovranità del nostro territorio e per fermare l’abominio di questo regime che si regge sul divide et impera, sulla propaganda e la disinformazione, sull’attuazione di decreti liberticidi che tradiscono il patto politico tra i cittadini e lo Stato. E anche oggi, alle 18.30, in Piazza della Vittoria a Genova, manifesteremo il nostro dissenso.

Alessandra Giordano

Dall’eroe al reietto: il docente ai tempi del Coronavirus

In questo periodo, tra docenti, si è avuto modo  di dialogare e confrontarsi  sulle problematiche e sulle questioni più spinose relative all’opportunità /obbligo surrettizio vaccinale legato alla nostra professione. 

L’esperienza della Dad 

Abbiamo vissuto due anni scolastici molto difficili. Il primo, interrottosi bruscamente a metà febbraio 2020,  ci ha visto trasformarci in docenti on line, senza nessuna preparazione e nessuna strategia comune o possibilità di pianificare degli strumenti di lavoro condivisi  perché prigionieri del lockdown, ognuno murato in casa propria, dietro uno  schermo, per chi aveva la fortuna di averlo.

In tale occasione ci siamo reinventati, abbiamo studiato come poterci organizzare al meglio le lezioni, abbiamo inseguito ragazzi demotivati e supportato coloro che non avevano la strumentazione o la possibilità di seguire la didattica on line , diventando “prestigiatori”, maghi dell’etere, soffrendo per la mancanza di un contatto in presenza e adattandoci a sostituire la nostra didattica , a mettere in discussione il modo di gestire la nostra lezione, per trovare nuove alchimie che ci permettessero di non lasciare indietro nessuno, ognuno chiuso nello spazio privato della propria abitazione, con i propri mezzi, la propria attitudine a padroneggiare il mezzo informatico, la propria individuale motivazione.

Eravamo insegnanti che lavoravano, e siamo stati considerati eroi. 

L’esperienza della bi-zona
Durante il secondo anno scolastico in emergenza abbiamo lavorato in presenza a fasi alterne, iniziato in presenza, poi a distanza, poi di nuovo finalmente in presenza, trovando un motivo per andare avanti nei sorrisi dei ragazzi, celati sotto le mascherine, districandoci tra normative di sicurezza e barcamenandoci tra gel , mascherine, finestre aperte, distanziamento, ingressi scaglionati, ricreazione a turni e accessi al bagno monitorati al limite della violazione della privacy, ma ce l’abbiamo fatta. 

Ce l’abbiamo fatta grazie agli sforzi che ognuno di noi ha compiuto, ritrovandosi a coniugare l’emergenza  con  i problemi storici, e ormai archeologici, che gravano sulle spalle della scuola da anni, come le classi pollaio, la carenza di organico, la mancanza di spazi, problemi che, a causa dell’urgenza con la quale si è manifestato il fenomeno della pandemia,  non sono stati risolti, ma con cui abbiamo convissuto nell’emergenza, e, nella speranza che, a sangue freddo, il Ministero sarebbe intervenuto in nostro aiuto. 

Siamo stati “eroi”, anche se non ci siamo sottoposti al trattamento sanitario dell’inoculazione. Questa scelta ha pesato su ognuno di noi nei rapporti con i colleghi, oltre che nei rapporti interpersonali in genere, siamo stati considerati dei buoni insegnanti “nonostante “ non avessimo aderito alla nuova religione di massa, come se la mancata accettazione del farmaco miracoloso fosse una pecca , una macchia che incrinasse la nostra correttezza morale , inconciliabile con il nostro essere stati, appunto, buoni insegnanti. 

Il terzo anno di pandemia

Adesso, per il nuovo anno scolastico, senza che sia stato materialmente fatto nulla per eradicare i problemi storici e incancreniti della scuola, impone ai docenti il marchio verde come garanzia di sicurezza, una sorta di bollino blu della banana Chiquita che garantisca la nostra “idoneità” a ciò che è definito “erogazione del servizio in presenza”, giacché dal lessico della neo lingua è sparita anche la parola insegnamento, sostituta da una perifrasi che appiattisce e sterilizza tutto ciò che di passionale e empatico c’è nel mestiere del docente. Il marchio verde certifica la sicurezza e consente al Ministro di enunciare che la distanza interpersonale di un metro tra gli studenti va mantenuta, ma, dove non è possibile, si potrà derogare. In un’aula atta a contenere 15 persone ne potranno essere stipate 30, tanto la sicurezza è garantita dal fatto che il docente sia provvisto del marchio verde, che si configura come un elemento palesemente distrattivo, il mancato possesso del quale permetterà di innescare quel processo di caccia all’untore e di ricerca del capro espiatorio che tanto piace ai media, in virtù del qual sarà identificato un “colpevole”, e mentre tutti penseranno a rincorrere, acciuffare e processare il “colpevole”, nessuno penserà più alle classi pollaio, alle aule sovraffollate, alla mancanza di spazi, alla carenza di organico etc. 

L’etichetta del no vax 

L’etichetta di “no vax”, che viene appiccicata addosso a chiunque osi esprimere dei dubbi su questo trattamento sperimentale di massa, non ci piace, come non piace a nessuno, ma le generalizzazioni consentono all’interlocutore di non affrontare il problema nelle sue specificità, e sono immensamente comode quando vengono trattati argomenti che non si vogliono approfondire.

Abbiamo letto, abbiamo raccolto testimonianze , abbiamo cercato fonti, abbiamo studiato, ci fidiamo dei premi Nobel e degli scienziati che dicono cose provate da studi e fonti e le documentano, fornendo bibliografie precise e circostanziate, non siamo persone prive di cultura o analfabeti funzionali, non siamo sorci da rinchiudere  e neppure irresponsabili o individui dalla condotta dissoluta, non siamo talebani, non siamo violenti, non siamo irresponsabili, non siamo contagiosi, né più né meno di chi abbia ricevuto il trattamento sanitario, rivendichiamo il diritto a essere curati con le terapie domiciliari che ci sono, ma che non sono riconosciute dal Ministero della Salute e che i medici non plagiati dal sistema praticano quasi clandestinamente. Non raccogliamo le provocazioni che quotidianamente ci vengono lanciate dal media di regime al solo fine di provocare reazioni poco urbane che consentirebbero al sistema di screditarci e inchiodarci, guardiamo la tv con lo spirito critico e riusciamo a mantenere un atteggiamento super partes  nonostante la propaganda martellante, i cui meccanismi ricordano certe cose brutte del passato che mai avrebbero dovuto ripetersi, inneggi all’odio sociale e alla violenza. 

Ognuno ha le sue motivazioni per non avere aderito alla campagna salvifica realizzata attraverso il nuovo farmaco,  c’è chi ha motivi seri di salute e, non venendo comunque esentato,  teme di avere conseguenze gravi,  chi accetta genericamente i vaccini e magari si sottopone ogni anno a  quello dell’influenza e non desidera fare da cavia a questo vaccino ogm (questa è la denominazione corretta, secondo la dottoressa Bolgan) , chi ha un’amica o una  collega deceduta a causa di questo vaccino, con tanto di correlazione accertata, e i casi non mancano, chi è semplicemente perplesso e di fronte a una violenza mediatica così forte decide di rifiutare il trattamento, chi accetterebbe anche la somministrazione di questo farmaco ma magari un po’ più in là, quando l’uso ne fosse stato consolidato dal tempo e quando i morti da vaccino “senza nessuna correlazione” saranno stati azzerati. 

Per questo, senza che nessuna azione malvagia sia stata da noi compiuta, siamo stati repentinamente considerati “untori”, “cattivi maestri”, un cancro sociale da estirpare dal sacro mondo della scuola inoculata, sanificata, depurata e purificata, addirittura indegni di accedere al posto di lavoro perché sprovvisti del lasciapassare governativo con il quale lo Stato ci restituirebbe il diritto al lavoro in cambio della cessione della sovranità sul  corpo di ognuno di noi, senza, ovviamente, assumersi la responsabilità in caso di decesso o danni permanenti. 

Conclusioni

Quali che siano le motivazioni, a fronte del fatto che per un anno scolastico ci siamo recati al lavoro senza essere stati inoculati, e, rispettando le precauzioni di distanziamento e mascherine abbiamo convissuto con una pandemia  che colpisce in maniera sintomatica  una minima parte della popolazione e che, se curata per tempo, con le opportune cure domiciliari, che vengono ancora negate al solo scopo di generare paura con la quale poter tenere la popolazione sotto scacco, non è letale, aggiungendo che , come hanno affermato virologi accreditati dal main stream e persino alcune viro  star televisive, la trasmissibilità del virus è uguale sia per i vaccinati che per i non vaccinati, e dunque il vaccino non ferma la circolazione del virus, ma aiuta a non contrarre la malattia in forma grave, anche se i dati che arrivano da Israele, ove è partita la somministrazione della terza dose e ove si sta studiando (notizia di poche ore fa) la possibilità di realizzarne una quarta, sembrano mettere in dubbio anche questo aspetto, ci opponiamo fermamente all’utilizzo del green pass, il cui nome corretto in italiano è lasciapassare governativo per avere accesso al posto di lavoro, e ci opponiamo fermamente, con tutta l’anima, all’idea della scuola trasformata in presidio sanitario permanente, finalizzato a creare un vaccinatoio senza fine che colpirà, senza esclusione di colpi, docenti, personale della scuola, ragazzi e bambini, uno dopo l’altro.

E ci opponiamo fermamente all’idea che la scuola, che è per antonomasia luogo di inclusione, diventi un luogo per accedere al quale si debba esibire un lasciapassare, il possesso del quale non divide il mondo in vincitori e vinti, come le persone plagiate dal mainstream credono,  ma vede sconfitta,  umiliata e mutilata la collettività intera, degli insegnanti, dei lavoratori,  dei cittadini, degli esseri umani in genere.

Cristina Tolmino  

Dalla classe pollaio alla classe apartheid: considerazioni senza peli sulla lingua

di Cristina Tolmino

Marchio a scuola: vergognoso il trattamento che è stato riservato ai docenti, rei di aver scelto di non sottoporsi al ricatto vaccinale finalizzato all’inoculazione del vaccino OGM , 

“vaccino non approvato che può prevenire il Covid soggetto a  autorizzazione all’uso di emergenza (EUA), da parte della FDA, vaccino che “potrebbe impedire di contrarre il Covid 19 e “potrebbe non proteggere tutti” . 

da.gov, scheda informativa per riceventi e assistiti

ma in questa occasione non voglio dilungarmi su questo.

Voglio invece sottolineare la gravità di un altro punto del decreto legge  che ha esteso l’obbligo del lasciapassare governativo  all’interno degli istituti scolastici e che riguarda la comunità degli studenti. 

Al punto 3 dell’articolo 1 del suddetto DL viene infatti stabilito che 

…I protocolli e le linee guida possono disciplinare ogni altro aspetto concernente le condizioni di sicurezza relative allo svolgimento delle attività scolastiche ivi inclusa la deroga alle disposizioni di cui al comma 2) lettera a ),  per le classi composte da studenti che abbiano tutti completato il ciclo vaccinale o abbiano un certificato di guarigione in corso di validità”.

Cerco di capire il significato di quanto enunciato.

Le disposizioni a cui si fa riferimento sono i dispositivi di protezione delle vie respiratorie, cioè le mascherine . Gli allievi della classe composta da soli studenti che abbiano completato il ciclo vaccinale o abbiano ottenuto un certificato di guarigione può essere esentata in blocco dall’uso dei dispositivi di protezione, a differenza della classe nella quale anche un solo ragazzino non sia stato sottoposto al trattamento, e nella quale, e a causa dello stesso, saranno tutti costretti a indossarli. 

A prescindere dal mio personale, poco autorevole e poco significativo  parere, ricordo le parole con le quali il premio Nobel Montagnier si è espresso riguardo alla possibilità di sottoporre a questo vaccino la popolazione dei giovani:

“Non possiamo accettare il rischio per i bambini, i ragazzi e le generazioni attuali. .. il vaccino è una soluzione, ma non la sola, ci sono trattamenti e terapie che possono avere effetti contro questa infezione…”  e ancora “… Rischiamo di avere effetti assolutamente imprevedibili, ad esempio i tumori…”

L.Montagnier

Ma accantoniamo l’illustre  Montagnier e la dibattuta questione se sia opportuno o no vaccinare in massa gli over 12; alcuni adolescenti  saranno  stati sottoposti al trattamento, altri no. 

Apartheid de lege et de facto


Immagino di rientrare in classe. Posso solo immaginare, perché io  quest’anno scolastico in classe non potrò entrare, come i cani fuori dal supermercato, e sarò privata dello stipendio a causa della mancanza del green pass.

Immagino di entrare in classe. Difficilmente entrerei in una classe modello, con tutti gli studenti vaccinati, data la reticenza di tante famiglie, che hanno abbracciato la politica del vaccino limitatamente ai soli componenti adulti, per necessità di salute, per convincimento personale o per pressioni sociali,  ma sono dubbiose e perplesse per quanto riguarda i figli. 

Immagino che tra i ragazzi si saprebbe subito chi è vaccinato e chi no, dal momento che adesso pare sia diventato di moda tra alcuni giovani anche tatuarsi il qr code del marchio sul braccio, pratica che a me personalmente fa orrore perché mi suggerisce cose brutte della storia che sarebbe meglio non evocare ma ricordare con consapevolezza e cognizione di causa, ma mi fa peraltro orrore anche la faccia di Topolino tatuata sulle natiche. 

Io sono vecchia e non ho gli strumenti per comprendere il significato profondo di certi rituali della modernità diffusi tra i giovani e si creerebbe una situazione di inevitabile conflittualità. 

Il vaccino, come suggerito dalle star dello spettacolo e della canzone, diventerà uno status symbol da esibire, chi non ha il vaccino è “sfigato”, chi ha il vaccino è “figo”. Il passaggio successivo è che chi ha il vaccino si sentirà discriminato perché, a causa dei compagni non vaccinati, dovrà comunque indossare la mascherina, e chi non ha il vaccino sarebbe continuamente oggetto di attacchi, più o meno scherzosi, da parte  dei compagni “fighi”, e avrebbe ben poche armi per difendersi, perché a 12 anni non è proprio immediato controbattere citando Montagnier o recitare a memoria le righe più “critiche” del bugiardino dei singoli farmaci che vengono inoculati. 

 Aggiungiamo che i ragazzi non hanno filtri, e, se io che sono vecchia vengo già adesso schernita da adulti che godono del fatto che dal 1 settembre non avrò più lo stipendio e lo considerano una giusta vendetta per la mia resistenza  al ricatto governativo, dopo avere già passato un inverno e una primavera fra colleghi che, cristianamente, auguravano di morire di Covid a me alla mia famiglia, immagino che anche tra i ragazzi non sarà facile, eppure è ciò che è lecito aspettarsi, avendo di fatto istituzionalizzato una sorta di legittimo bullismo all’interno della classe. 

Una silente discriminazione

Ulteriore punto a sfavore dei ragazzini non vaccinati è il fatto che essi si trovano già in una condizione di sofferenza per avere dovuto rinunciare alle normali attività di socializzazione tipiche della loro età, la palestra, la piscina, gli allenamenti, il concerto, il teatro, il cinema, il parco tematico, e per i più grandi, viaggi e viaggetti con gli amici. Questi ragazzi sono inevitabilmente molto provati psicologicamente, abbruttiti da un anno di Dad e un anno di bi-zona (cit. Lino Banfi, L’allenatore del pallone)  a suon di gel e mascherine, distanziamento coatto e accessi al bagno controllati, situazione che si ripresenterà per tutti, vaccinati e non, ma della quale i vaccinati incolperanno i non vaccinati

Nella stessa classe, peraltro, abbiamo fino all’anno scorso insegnato educazione civica come materia trasversale, con interventi mirati alla conoscenza e al rispetto dei più importanti articoli  della Costituzione, alla comprensione del valore di studio e lavoro e alla loro esaltazione come strumento di realizzazione della persona, alla condanna della discriminazione in ogni suo aspetto e sotto ogni forma, all’educazione alla tolleranza , alla prevenzione del bullismo, materiale e cibernetico. 

Chat delle mamme e altre amenità

Immagino poi le mamme, che saranno ovviamente anche loro schierate tra favorevoli e contrarie al vaccino, ci saranno le mamme vaccinate con figli vaccinati, le mamme non vaccinate con figli non vaccinati, e le mamme vaccinate con figli non vaccinati, e si apriranno dibattiti e scontri tra le varie fazioni. Nasceranno chat e sottochat, verranno inviati screen shot in piena notte al coordinatore di classe, alla faccia della privacy e del diritto alla disconnessione, i Dirigenti dovranno mettere il filo spinato per proteggere la porta del loro ufficio, e la gestione dei colloqui con le famiglie diventerà una faida al limite della guerra civile.

Forse, davvero, almeno, non potere avere accesso ai locali scolastici mi manleverà da questo strazio, e dovrò ricordarmene per trovare qualcosa per il quale sorridere quando dovrò andare a prendere il pacco alimenti alla Caritas (ammesso che non sia necessario il marchio) perché, essendo senza reddito,  alla lunga non potrò più comprarmi da mangiare.

Altra problematica su cui mi interrogo anche se, ripeto, non sarò a scuola a poter vedere cosa accadrà, è la gestione delle quarantene per i ragazzi. Gli studenti vaccinati avranno un numero minore di giorni da trascorrere in quarantena rispetto ai loro compagni non vaccinati? Se saliranno i contagi e le regioni diventeranno di nuovo colorate, ai ragazzi non vaccinati sarà comunque permesso andare a scuola o verrà proposta loro nuovamente la Didattica on Line, realizzando per magia e per incanto la metamorfosi,  pandemicamente corretta, della usuale e consolidata classe pollaio di over 28 (laddove per over 28 non si intende una classe di super ripetenti ma 28 è il numero degli allievi) , mai ritenuta fonte di problemi dal Ministero della pubblica Istruzione neanche prima del Covid, in “classe apartheid” in nome della prevenzione/punizione sanitaria, con i vaccinati a scuola e i non vaccinati in Dad? 

Mentre mi appresto a concludere, chiudo un po’ di quaderni di appunti e mi cade l’occhio sulla 

Nota Miur  del 22 luglio 2021, contenente le indicazioni fornite dal CTS in relazione all’apertura dell’anno scolastico 2021-22, nella quale si recita che  è

”… necessario che la comunità scolastica, continuando a promuovere la conoscenza ed il rispetto delle regole anti – covid, nel quadro dei propri compiti istituzionali, operi per far comprendere il valore della vaccinazione, sia ai fini della prevenzione del contagio e della tutela della salute (soprattutto dei soggetti più fragili) , sia quale misura per la ripresa  della normale vita scolastica e con essa della vita sociale del Paese…” 

e improvvisamente mi è chiaro il motivo per cui io, quest’anno, a scuola non posso entrare, come il cane fuori dal supermercato. 

E come il cane fuori dal supermercato aspetterò, non il mio padrone come fa il cane, ma la mia comunità, il mio mondo, il mio spirito, i miei nervi, le mie vene, la mia pancia, le mie budella… in poche parole i miei studenti, a cui appartengo, verso i quali  ho dei doveri che prescindono da conoscenze, competenze, verifiche,  valutazioni, burocrazia e bizantinismi,  perché sono legata a loro da un dovere morale che è un misto di sentimento e rigore intellettuale, perché loro hanno bisogno di essere aiutati a scoprire come esercitare il loro spirito critico, e devono essere liberi di esercitarlo, al di là di un biglietto per lo stadio, di un gelato, di una promessa fittizia di libertà celata dietro uno scambio di merci e di favori, perché hanno bisogno di leggere e comprendere quelle fonti che permettano loro di guardare la storia super partes in autonomia, e io ci DEVO essere e DEVO aspettare,  anche fuori dalla scuola, come il cane fuori dal supermercato. 

Cristina Tolmino

Il volume della sfera qual è? 4/3 pi greco erre tre, viva il duce e viva il re

Era da noi chiamato Baffo Giallo per via di quel colore di nicotina che lo rendeva biondo intorno alla bocca. Insegnava greco in un liceo di periferia e aveva studiato durante il fascismo: io lo percepivo vecchissimo, vetusto sì ma senza mai essere obsoleto.

Baffo Giallo era saggio, anche quando ti guardava in faccia espirandoti addosso anelli di fumo da Brucaliffo.

brucaliffo - YouTube

La sua saggezza, unitamente alla sua cultura, lo faceva temere e adorare perché, a differenza dei più, era un uomo giusto.

La politica è una palla di grasso, signorina. Io l’ho in mano e gliela passo: le mie mani restano sporche, le sue anche, quelle del suo compagno pure e -anche se siamo partiti con le migliori intenzioni- al popolo non resta nulla perché la palla si rimpicciolisce sempre di più. Il greco, invece, la fa impazzire ma non la tradisce: si dedichi al greco perché la politica è un’illusione.

Baffo Giallo

Avevo quattordici anni e poca possibilità di ribattere altrimenti gli avrei risposto che lo studio del greco è di per sé studio della politica; era chiaro però quale politica lui odiasse perché riportava sempre quest’esempio:

Si parla di totalitarismo quando uno Stato entra nella quotidianità, nella cultura stessa e non quando io vi obbligo a ripetermi i paradigmi! Sapete come ripetevo io la lezione alla mia maestra? Il volume della sfera qual è? 4/3 pi greco erre tre, viva il duce! Viva il re!

Baffo Giallo

Ebbene? Ci siamo arrivati! Baffo Giallo per sua fortuna è morto molti anni fa e non può vedere lo scempio al quale siamo giunti: la campagna vaccinale comandata dal polipiumato speciale!

Campagna! Termine militare. Ma di militare non c’è nulla, neppure il coraggio: solo la divisa. Disonorata.

Disonorata perché un esercito dovrebbe essere al servizio della tutela del proprio popolo. Qui invece il popolo viene ingannato e ricattato.

O premiato. Come il cane di Pavlov!

Lo ricordate il cane di Pavlov?

Condizionamento Classico: Definizione Esperimento di Pavlov
esperimento condizionamento

E quindi: fai il vaccino e ti do il gelato gratis, non fai il vaccino e non ti faccio lavorare.

Mi sono chiesta a lungo perché la mannaia dell’Esecutivo mirasse a colpire gli insegnanti, perché il linguaggio di un ministero fosse così dozzinale, discriminatorio, accusatorio.

Frasi come “nessun tampone gratis ai no vax” scritte sul sito ufficiale del Ministero mi hanno fatto cadere le braccia, solo perché son femmina altrimenti sarebbe caduto ben altro!

In realtà non mi era chiara la vision.

Da stasera mi è chiarissima: da un lato il video #Iomivaccino con tanto di musichetta complice e suadente, dall’altro la circolare Miur che recita:

E’ necessario che la comunità scolastica operi per far comprendere il valore della vaccinazione sia ai fini della prevenzione del contagio sia quale misura per la ripresa della normale vita scolastica …

Baffo Giallo

Il vaccino, che vaccino non è e che tutela non è, stando ai dati di Israele, diviene dunque un’ostia, un rito. Occorre dunque far comprendere il valore tacendo sulle conseguenze del farmaco sperimentale? Indottrinare anziché educare?

Il video del Ministero non dice che nella fascia tra i 12 e i 18 anni il vaccino crea miocarditi. Sul bugiardino è segnato ma il Ministero omette.

Che cos’è la miocardite?

Lo racconta Santo Giuliano, ex ballerino di Amici, in seguito a quanto accaduto dopo la prima dose di Pfizer:

Ho cominciato a sentirmi male e il cuore pian piano si è fermato, finché non si è spento. Poi da lì penso mi abbiano iniettato dell’adrenalina e mi hanno fatto il defibrillatore. Mi hanno ripreso e hanno capito che c’era un’infiammazione al muscolo del cure, al miocardio. Questo dovuto al vaccino”.

Santo Giuliano

Camilla Canepa, diciottenne, è invece morta a causa della somministrazione di Astrazeneca esattamente come Francesca Tuscano, insegnante di trentadue anni.

Jacob Clynick è morto a tredici anni negli USA dopo la seconda dose di Pfizer, il cuore ingrossato e circondato da liquidi.

Pfizer stessa ha dovuto aggiornare il bugiardino:

Dopo la vaccinazione con Comirnaty sono stati osservati casi molti rari di miocardite e pericardite, verificatisi principalmente nei 14 giorni successivi alla vaccinazione, più spesso dopo la seconda dose e nei giovani di sesso maschile . Gli operatori sanitari devono prestare attenzione ai segni e ai sintomi di miocardite e pericardite. Le persone vaccinate devono essere istruite a rivolgersi immediatamente al medico qualora dopo la vaccinazione sviluppino sintomi indicativi di miocardite o pericardite, quali dolore toracico (acuto e persistente), respiro affannoso o palpitazioni. Gli operatori sanitari devono consultare le linee guida e/o specialisti per diagnosticare e trattare tale affezione.

Pfizer

Poco importa quale sia il vaccino iniettato, in una fascia d’età in cui è più facile morire per la somministrazione del farmaco piuttosto che per la malattia, il Ministero promuove un video in cui inconsapevoli bambini vengono sedotti dal richiamo di un irrazionale eroismo collettivo.

Perché invece il Ministero non promuove video in cui si narrino le reazioni avverse al vaccino? Perché non promuovere la consapevolezza anziché l’obbedienza?

Del resto il volume della sfera qual è? 4/3 pi greco erre tre. Viva il duce! Viva il re!

E i professori come me

sian sospesi perché

son contrari al re.

Rosa J. Pintus

La storia insegna ma l’uomo non impara: e di nuovo la prevenzione diviene punizione

di Cristina Tolmino

Ciò che non manca in questo momento storico è la sovrabbondanza di informazioni, poco importa che siano attendibili, verificate, provenienti da fonte certa o fake news, l’importante è che siano tutte accomunate da un unico fine: essere  gettate in pasto ai media solo per  seminare il panico.

In particolare, nell’ultima settimana, è particolarmente vivo il bombardamento mediatico relativo alla “sorte” dei docenti non in possesso del lasciapassare governativo.

Secondo la vulgata il marchio verde permette di poter accedere al luogo di lavoro, viceversa lo preclude se non esibito, sulla base della convinzione errata (smentita peraltro dallo stesso Fauci, oltre che dal “nostrano” Crisanti) che la persona che non è stata soggetta al trattamento dell’inoculazione con i vaccini OGM (questa è la loro corretta denominazione, secondo la dottoressa Bolgan), sia responsabile della diffusione del virus mentre colui che è stato sottoposto alla sacra procedura non lo sia.

Si dibatte molto, dunque, su questo tema, scatenando la fantasia di giornalai, giornalettisti, virostar e opinionisti innalzati a giudici e detentori della salute collettiva oltre che della pubblica moralità… chi propone inoculazione coatta, magari prevedendo anche una violazione del domicilio dei “ribelli” con conseguente siringata nel bagno di casa propria, chi proclama che il salasso economico a cui il docente andrebbe incontro sottoponendosi a tampone trisettimanale sia cosa buona e giusta, chi pregusta torme  di docenti con le narici sfondate ad affollare gli hub vaccinali dopo qualche settimana a causa dell’insostenibilità del protrarsi della pratica invasiva del tampone nel  tempo; insomma, chi più ne ha più ne metta, io personalmente, dopo avere visto sui social messaggi inneggianti all’odio e invocanti lo sterminio, se non addirittura le camere a gas, nei confronti dei non vaccinati, provenienti da personale infermieristico che si firma con tanto di nome e cognome, posso dire di non meravigliarmi più di nulla.

Uno scritto però, fra tutto questo mare magno di informazioni, intimazioni e intimidazioni mi ha stupita: la Nota 2842 del 6 agosto, a propostito di INPS  e quarantena. 

Esso recita: 

“… Chi fa (o ha fatto) la quarantena quest’anno non ha dirotto ad alcuna tutela. Resta a casa, senza retribuzione e senza contributi. Lo precisa l’INPS nel messaggio 2842/2021), spiegando che il blocco scaturisce dal mancato stanziamento di risorse per l’anno 2021. L’INPS, inoltre, avverte i datori di lavoro: eventuali periodi di quarantena che siano stati riconosciuti come “malattia” (come è stato possibile fino al 31 dicembre), sono considerati indebiti e le eventuali indennità erogate ai dipendenti, conguagliate sull’UniEmens (denuncia mensile contributiva) , richieste a rimborso…”

Nota Inps

A prescindere dalla facilità con cui si pensi di poter azzerare la retribuzione a dei lavoratori, come se la facoltà di erogare stipendio e contributi fossero equiparabili a accendere e spegnere un interruttore, desidero  riflettere  sul concetto stesso di “quarantena”, relativo alla dimensione della scuola. 

La classe andava in quarantena quando, genericamente, si riscontrava un caso “positivo”. Spesso il caso “positivo” si metteva in quarantena prima di sapere di essere positivo, perché dal momento della constatazione di aver avuto una situazione di rischio di contagio , o dalla comparsa dei sintomi al momento dell’esecuzione del tampone passavano alcuni giorni. Dunque solo l’ufficializzazione fornita dall’esito del tampone poteva permettere di avere gli strumenti affinché la classe entrasse in quarantena. Facendo i conti della serva, qualche altro caso “positivo” si sarebbe potuto riscontrare e a sua volta avrebbe potuto contagiare gli altri. 

Entrando la classe in quarantena, i ragazzi seguivano tutti le lezioni da casa.

Se  un ragazzo avesse avuto un familiare in quarantena, avrebbe comunque seguito  le lezioni da casa, sperando che non avesse contagiato nessuno nei giorni in cui fosse comunque venuto a scuola.

Questo è quanto è capitato nell’Istituto nel quale insegno. 

E i docenti?

Nessuno si è mai preoccupato di metterci in quarantena.

Il docente non è considerato un contatto a rischio, dal momento che i due metri di distanziamento fra la cattedra e il primo banco avrebbero garantito la sicurezza. Ci hanno ripetuto per un anno che LA SCUOLA E’ UN POSTO SICURO. Che il distanziamento garantisce la sicurezza, Che le mascherine e l’igiene delle mani garantiscono la sicurezza. Che l’apertura delle finestre al cambio d’ora garantisce sicurezza .

Che i banchi monoposto garantiscono la sicurezza (per fortuna la mia Dirigente, che è una persona illuminata, non ha fatto arrivare quelli a rotelle) . Che gli ingressi scaglionati garantiscono la sicurezza. Che le ricreazioni svolte a orari differenziati e gli accessi al bagno controllati garantiscono sicurezza. Che la sicurezza è responsabilità di tutti e se tutti contribuiamo siamo al sicuro.

Ci abbiamo creduto. Io, personalmente, ci ho creduto, e ho persuaso i miei  studenti a crederci.

Le mie classi terminali, che dal giorno in cui è stato possibile rientrare in presenza non hanno saltato un giorno di scuola, sempre grazie alla presenza di una Dirigenza illuminata, e che frequentavano nella loro “interezza” (nel senso che venivano tutti a scuola e non metà a casa metà a scuola secondo una specie di bi-zona che è stata oggetto di bonaria ironia  sui social)  non sono mai state messe in quarantena in tutto l’anno, qualcuno dei ragazzi si è accorto di essere e positivo per tempo, è stato assente, e nei  giorni in cui era a casa ha seguito in Dad, e  siamo arrivati in fondo, condividendo le responsabilità. 

Io, da non vaccinata, e potenzialmente scettica sul vaccino da subito, non mi sono ammalata, non ho fatto un giorno di malattia né di quarantena, lo stato non ha dovuto farsi carico di nessuna spesa per quanto riguarda il mio rapporto con la pandemia, sono andata in classe a testa alta, senza paura, guardando i ragazzi negli occhi e intercettandone i sorrisi sotto le mascherine, e ho continuato a nutrirmi di quei sorrisi celati,  benché additata come eretica dai colleghi vaccinisti che in più di un’occasione mi hanno cristianamente  augurato di ammalarmi e di far morire la mia famiglia tra atroci sofferenze e altre amenità.

Ora, questa notizia sulla quarantena senza retribuzione come misura punitiva, pare esercitare una forma di giustizia nei confronti di chi , contraendo eventualmente l’infezione, trasgredisce non si sa bene quale regola, consuetudine o precetto e mi irrita e mi addolora, perché, oltre che essere l’ennesima presa di posizione atta a gettare discredito su tutta la categoria,  confuta tutto  quanto di buono è stato costruito in questo ultimo anno scolastico. 

Lo stesso docente che nell’anno scolastico 2020-21 era considerato al sicuro, inserito in un contesto sicuro, che diventa sicuro nel momento in cui si osservano le buone pratiche per favorire la sicurezza, intesa come gestione collettiva di responsabilità , per l’anno scolastico 2021-22 viene presentato ai media come un soggetto ai cui è giusto togliere il lavoro se non si piega al ricatto vaccinale, e a cui non corrispondere lo stipendio durante eventuali periodi di quarantena, come se la quarantena fosse un divertimento, una pratica diffusa e abusata per truffare lo Stato. 

Sono dunque  testimone della mia trasformazione da super eroe a parassita, a cancro sociale da estirpare, eppure io sono sempre la stessa, ma la propaganda, secondo meccanismi consolidati che già sono stati usati nella storia,  mi cuce addosso un’etichetta con la quale mi presenta al mondo, e gli fornisce una motivazione plausibile per discriminarmi. 

Sono testimone della trasformazione del vaccino come opzione e come opportunità finalizzata alla prevenzione in un ricatto, grazie al quale potrei rientrare in possesso di alcuni miei diritti , fra cui quello del lavoro, i quali mi verrebbero  restituiti come “concessione”, dietro cessione allo Stato della sovranità sul mio corpo. 

Sono testimone della trasformazione della quarantena come strumento di prevenzione in uno strumento di punizione politica. 

A questo punto della storia, vorrei non essere testimone di altro, perché la Storia insegna, ma l’essere umano non impara!. 

Cristina Tolmino

CONSIDERAZIONI SULLA “CACCIA AL DOCENTE NO-VAX” E SULLE MODALITÀ DI SVOLGIMENTO DELLA STAGIONE VENATORIA

Proprio quando la speranza pare perduta, e forse per il principio stesso per cui ogni limite costituisce una risorsa, i docenti levano le armi concesse dalla Batracomiomachia e arriva lei, Cristina Tolmino, penna finissima e personalità segreta. Per un po’ scriverà qui, al momento giusto si paleserà.

Non abbiatene a male se ci tocca esser Carbonari.

Rosa J. Pintus

CONSIDERAZIONI SULLA  “CACCIA AL DOCENTE NO-VAX” E SULLE MODALITÀ DI SVOLGIMENTO DELLA STAGIONE VENATORIA 

In questo momento di infodemia, caccia alle streghe, istigazione all’odio sociale e esaltazione della discriminazione 

PREMESSO CHE

non esiste al momento un obbligo vaccinale diretto per quanto riguarda il Sars Cov 2 se non per le professioni afferenti alla sfera sanitaria, sul quale non è nostra intenzione entrare nel merito, perché già abominevole a prescindere da ogni commento;

la decisione di sottoporsi alla vaccinazione è strettamente individuale e afferente al proprio stato di salute, alla valutazione dei rischi e benefici per se stessi e in relazione al  contesto familiare in cui ciascun individuo  vive; 

– per molte persone  la decisione di sottoporsi al vaccino è  stata ed è finalizzata a ottenere il lasciapassare governativo per poter accedere a determinate attività, trasformando la profilassi sanitaria in uno scambio, con il quale si cede la sovranità sul proprio corpo per ricevere sotto forma di concessione i diritti civili sottratti dallo Stato e dallo stesso restituiti sotto forma di privilegio;

– che tale lasciapassare governativo viene richiesto al personale della scuola per accedere ai singoli istituti  e a docenti e discenti per quanto riguarda l’Università e che tali luoghi non sono certo luoghi di di svago (dei quali, eventualmente, si potrebbe fare a meno  seconda delle convinzioni personali di ognuno) ma luoghi di lavoro e di formazione che non possono essere evitati con la stessa leggerezza con la quale si può evitare, ad esempio, il bar;

saremo stoicamente costretti a sottoporci a tampone periodico per poter accedere ai  luoghi di lavoro;

– è ormai noto, e anche divulgato dalle più importanti televisioni e testate giornalistiche e riferito dagli importanti scienziati a cui il mainstream si affida che anche coloro che si sono sottoposti alla vaccinazione possono trasmettere il virus e le sue varianti al pari dei non vaccinati, e possono parimenti contrarre la malattia;  

– che lo stipendio degli insegnanti non è faraonico, molti  vivono in famiglie monoreddito, o hanno come congiunti persone che durante la fase acuta della pandemia non hanno lavorato e neppure hanno ricevuto sostegno economico adeguato

– che il tampone trisettimanale, inflitto solo ai non vaccinati, influirà in maniera inequivocabile sul numero dei contagi, facendo apparire fra questi comunque un certo  numero di “casi”, sintomatici e asintomatici, malati e non malati, che potrà fornire materiale a chiunque voglia strumentalizzare la scelta di non sottoporsi a vaccinazione sotto coercizione, mentre i vaccinati non saranno tamponati e dunque la situazione dei “contagi” fra costoro non sarà rilevata;

affinché lo scopo dei tamponi sui non vaccinati non sia meramente quello di crearci un disagio economico e di obbligarci a un fastidio fisico e organizzativo ripetuto, interpretabile come una sorta di “punizione” inflittaci  dallo Stato ma sia finalizzato a creare un corretto, funzionale e imparziale sistema di tracciamento, utile al reale contenimento del contagio e non a istituzionalizzare una ritorsione per non avere ceduto al ricatto vaccinale

 CHIEDIAMO 

di avere accesso a tamponi gratuiti, essendo il tampone lo strumento che fornirà il requisito per potere avere accesso al luogo di lavoro

–  di avere orari flessibili che permettano l’effettuazione del tampone al mattino prima di entrare in classe, o di effettuarlo in orario scolastico , essendo questo uno strumento dalla validità temporale effimera

di poterci assentare senza subire ritorsioni economiche o sanzioni qualora nessun laboratorio di analisi nelle vicinanze dell’abitazione o dell’istituzione scolastica sia disponibile a effettuare il tampone nei tempi previsti

di poter avere una tutela a livello di privacy, che ci permetta di svolgere comunque le nostre attività didattiche conciliandole con il monitoraggio sanitario costante , affinché nessuno, all’interno dei locali scolastici, possa divenire oggetto di discriminazione, di scherno, di stalking e offese comminate a vario titolo

di avere gratuitamente le mascherine FPP2 per poterci tutelare da un eventuale contagio che potrà essere portato anche dai vaccinati

Di evitare che nelle classi tra i discenti si crei una situazione di discriminazione se non addirittura di apartheid sanitario in caso di quarantena, a causa dell’utilizzo delle mascherine regolato dalla presenza di non vaccinati, con inequivocabile lesione della privacy di minori. 

– per le motivazioni espresse sopra, ma soprattutto per la sicurezza dei nostri figli, sui quali grava una scure assai più pesante di quella che è stata posta sul nostro capo, che siano sottoposti alla procedura del tampone tutto il personale della scuola, con le modalità sopra indicate, a prescindere dallo stato vaccinale, al fine di costruire un archivio serio e equilibrato con un sistema di tracciamento bilanciato.

Cristina Tolmino

docente e scrittrice 

Il ricatto, la minaccia e l’estorsione son le tre faville che hanno i cuori uccisi

Ricatto, minaccia ed estorsione sono gli ingredienti del Governo dei Migliori e le Leggi Fascistissime fanno un baffo a quanto accade ora: nel breve spazio di un anno abbiamo visto la defenestrazione di un presidente, reo di aver abusato del potere esecutivo, e ci siamo visti imporre i nuovi Castore e Polluce, Dioscuri non nati da Zeus e da Leda ma dal Panfilo Britannia e dall’Esercito.

Lor signori non parlano: agiscono.

Attraverso il ricatto, la minaccia, l’estorsione ci impongono di firmare un foglio di consenso informato per sottoporci a un vaccino che non è un vaccino ma un siero genico NON SPERIMENTATO che neppure protegge chi se lo inocula.

E il Green Pass, nato per facilitare i viaggi all’interno dell’area Schengen, diviene de facto, in Italia, un requisito per poter lavorare.

Un requisito.

Il giornale La Voce specifica che:

La certificazione verde non equivale alla vaccinazione. Viene infatti rilasciata a tre categorie di soggetti: chi si è vaccinato contro il Covid-19, chi ha ottenuto un risultato negativo al test molecolare/antigenico, chi è guarito dal Covid-19. Quello che cambia tra le categorie di soggetti è la validità della certificazione. 

La Voce

Ma il tampone costa e dura soltanto 48 ore!

E non illudetevi che valgano il tampone salivare o quello del supermercato: no!

No, perché devi essere inserito dal personale in una piattaforma digitale che ti rilasci il Green Pass e, tale inserimento, avverrà dopo qualche ora.

Il controllo completo è realizzato.

L’attuale Governo supera di gran lunga le fantasie di Mondo Nuovo di Aldous Huxley, pubblicato nel 1932, critica spietata del taylorismo identificato dal culto ossessivo di Henry Ford. Inquietante e drammatico già come distopia, il romanzo si rivela reale:

Ci sarà in una delle prossime generazioni un metodo farmacologico per far amare alle persone la loro condizione di servi e quindi produrre dittature, come dire, senza lacrime; una sorta di campo di concentramento indolore per intere società in cui le persone saranno private di fatto delle loro libertà, ma ne saranno piuttosto felici.

Mondo Nuovo, A. Huxley

E anche il mondo dell’informazione supera le previsioni più nere di George Orwell:

Se tutti i documenti raccontavano la stessa favola, ecco che la menzogna diventava un fatto storico, quindi vera

1984, George Orwell

Noi però abbiamo ancora memoria della Costituzione, in teoria la si insegna nelle nostre scuole e dovrebbe, in uno Stato laico, avere un valore maggiore del Vangelo…a proposito, che fine ha fatto il Papa?

A questo punto occorre decidere se mettersi dalla parte della Costituzione o dalla parte di chi la calpesta e sperare che la Giustizia europea sia più veloce di quella italiana.

Come docente di Storia, mi schiero dalla parte della Costituzione che, nella gerarchia delle fonti, ha un valore più alto dei decreti legge.

Sono certa che, come il Potere non si è fatto alcuno scrupolo a passare sul corpo di De Donno, meno ancora se ne farà a passare sul corpo di quattro docenti “sfigati” e invisi ai più poiché ritenuti rei di privilegi che non hanno.

Indipendentemente da ciò che farò o non farò o dovrò fare perché sarò costretta a farlo, mi pare evidente che si colpiscano gli insegnanti non allineati perché fanno paura a questo sistema economico.

Come madre, mi chiedo se non sia il caso di emigrare e portare i miei figli in un posto migliore ma ho davanti agli occhi tutti i giorni le difficoltà inerenti questa scelta e non so se avrò lo stesso coraggio degli alunni migranti che ho seguito in questi anni.

Rosa J.Pintus

Alea iacta est: il Rubicone dell’Esecutivo

Alea iacta est, ci capita oggi di essere considerati criminali pur essendo innocenti. In una situazione che non ha precedenti, solo evidenti analogie con il ventennio del secolo scorso, stiamo accettando imbelli l’apartheid sanitario.

Evidenze inquietanti se si va ad analizzare il nostro Esecutivo e il suo modo di operare.

Dopo un golpe bianco capitanato da Italia Viva, siamo stati gettati in un Governo autodefinitosi degli aristoi che ha reso il Parlamento un complemento accessorio della cabina di regia, in una sorta di democrazia guidata che non può essere legittimata in alcun modo.

L’altra analogia è l’utilizzo della propaganda in luogo della normale informazione.

Non lo dico io, lo afferma Santoro il 25 maggio in televisione ove lamenta la mancanza di studi propriamente nostri sul virus e la mancata evidenza di diffusione del virus in occasione d’assembramenti.

Allarmante è il continuo ricorso a metafore di guerra, la sostituzione di Arcuri con Figliuolo, la velata militarizzazione di uno Stato che fu una democrazia.

Per non parlare della manipolazione dei dati per cui a Foggia, in Puglia, il direttore della Asl ha stabilito quanto segue (lo trovate dal minuto 33 del video proposto): i pazienti Covid non vaccinati vengono trattati in reparti Covid, quelli vaccinati seguono un percorso No Covid e vengono messi in corsia con i non malati.

Perché? Per fare in modo che nei reparti Covid ci siano solo i non vaccinati.

Siamo alla follia.

Il cosiddetto Governo di unità nazionale sta portando il Paese sull’orlo della guerra civile e molte famiglie sul baratro del divorzio; mentre dà il via alla più grande discriminazione della storia, costringendo gli esercenti a divenire sceriffi, l’Italia si divide:

Metterò tutti i tavoli fuori, non ho intenzione di far lo sceriffo

un barista

Basta un giro su Facebook e gli amici si ritrovano: oggi sulla rete, domani in piazza.

Intanto nella prima metà di luglio si sono registrati 199 decessi, tutti accomunati da quell’unico fattore V che qui non si può manco scrivere altrimenti viene bloccato l’articolo.

Cantiamo guerre più atroci di quelle civili, combattute sui campi

d’Emazia, e il delitto divenuto legalità e un popolo potente che si è

rivolto contro le sue stesse viscere con la destra vittoriosa e i

contrapposti eserciti appartenenti allo stesso sangue e – infranto il

patto della tirannia – tutte le energie del mondo sconvolto che lottano

per un comune misfatto e le insegne che vanno contro quelle avversarie e

le aquile contrarie alle aquile e i giavellotti minacciosi contro i

giavellotti.

Lucano

Versi di Lucano che descrivono una Roma in cui la guerra civile è divenuta regola ma che ben presto andranno bene anche per l’attuale Italia.

Oggi non abbiamo Cesare e Pompeo, non abbiamo Catilina né i Gracchi.

Abbiamo un solo assioma: Draghi è ragion pura.

Si sta costruendo intorno a quest’uomo una mitizzazione, una divinizzazione che non prevede contraddittorio: ciò che dice è giusto e non prevede discussione.

E dove siamo arrivati?

No piscine, no palestre, no sport di squadra: tutto questo colpisce e limita i minori.

Il resto colpisce gli adulti: adulti colpevoli di attuare una scelta libera, ponderata, studiata.

Perché non c’è alcun obbligo vaccinale, c’è solo un’arbitraria attuazione di divieti che porterà gli uni inevitabilmente contro gli altri.

Se noi adulti possiamo reggere, che dire dei bambini? A ottobre la sperimentazione sarà diretta alla fascia 0-12.

In un momento in cui si discute il DDL ZAN, a mezzo del decreto legge 105 si attua la più grande discriminazione della nostra storia repubblicana che non risparmia neppure gli adolescenti.

Come possiamo reagire a tutto questo?

Le vie sono tre: manifestazioni, ricorsi, disobbedienza civile.

Perché, ricordiamocelo, questo farmaco ha ancora un’autorizzazione condizionata e Aifa aggiorna il bugiardino giorno per giorno; è grazie a questo meccanismo di trasparenza che noi conosciamo alcuni degli effetti avversi di questi sieri:

  • trombosi per Astrazeneca;
  • miocardite per Pfizer.

Se gli effetti sono sui bugiardini, non si sono riscontrati in poche persone ed è per questo che lo Stato preferisce legiferare a favore di un apartheid sanitario piuttosto che di un obbligo vaccinale.

Apartheid che colpirà anche i vaccinati se, allo scadere dei nove mesi di vita normale concessa, non si sottoporranno alla terza dose di vaccino.

E’ incredibile che la lotta contro la discriminazione sia condotta dall’estrema destra mentre la sinistra sorride al ricatto ma questi sono i tempi.

Giorgia Meloni e Matteo Salvini sono stati palesemente costretti a vaccinarsi, tanto che la prima ha dichiarato al Messaggero:

Non sono no vax. Ma se chiedono di farlo a mia figlia neanche in catene.

Giorgia Meloni

Qualcuno può onestamente affermare che questo modo di procedere sia diverso dalle Leggi Fascistissime?

Vi ricordate la tessera del pane?

La tessera fu uno dei metodi più efficaci per controllare, inquadrare ed assoggettare le masseLa tessera del PNF venne soprannominata “Tessera del Pane” per l’importanza che assunse in uno degli aspetti più importanti della vita sociale del Paese: il lavoro.

Le tessere del fascismo-storie di pianura

Spero vi rendiate conto di quanto stia accadendo e che siate consapevoli del fatto che, le condizioni per cui giunsero al potere le dittature, non sono dissimili da queste.

Sappiate che nessuno è innocente se decide di voltarsi dall’altra parte e proseguire la sua comoda vita allineata.

E’ il momento di scegliere tra un regime che nasconde le sue imposizioni nei cavilli della legge e la difesa di una democrazia sull’orlo del baratro.

Alea iacta est, il dado è tratto, è giunto il tempo di fermare questa barbarie che paragona i liberi cittadini a sorci, parallelo fatto dal Colonnello Landa in “Bastardi senza gloria” di Quentin Tarantino prima ancora di Burioni.

Rosa J. Pintus

Il ragazzo che cavalca la tigre: saggio filosofico di un under 17

Due occhi attenti alla ricerca della verità, una verità assoluta e propria di chi è giovane e la pretende, di chi si ritiene messo all’angolo dalle generazioni più anziane e dispotiche, la pretesa di una risposta alle ragioni dell’ipocrisia, della prepotenza, dell’economia. Alberto non ci narra in queste righe il suo pensiero riguardo la pandemia, punta dritto alla shock economy, cuore dell’attuale situazione e sembra affermare, senza mai dichiararlo, che le crisi sono indotte e che c’è una tigre terribile, invincibile adesso ma che, cavalcata nel modo giusto, verrà sconfitta.

A voi il saggio di un giovanissimo amante della filosofia che ha ottenuto il suo podio.

R.J.Pintus

Saggio a cura di Alberto Giannattasio

La crisi è la più grande benedizione per le persone e le nazioni, perché la crisi porta progressi. La creatività nasce dall’angoscia come il giorno nasce dalla notte oscura. È nella crisi che sorgono l’inventiva, le scoperte e le grandi strategie. Chi supera la crisi supera se stesso senza essere “superato”. Chi attribuisce alla crisi i suoi fallimenti e difficoltà, violenta il suo stesso talento e dà più valore ai problemi che alle soluzioni. La vera crisi è la crisi dell’incompetenza. L’inconveniente delle persone e delle Nazioni è la pigrizia nel cercare soluzioni e vie d’uscita. Senza la crisi non ci sono sfide, senza sfide la vita è una routine, una lenta agonia. Senza crisi non c’è merito. Parlare di crisi significa incrementarla e tacere nella crisi è esaltare il conformismo, invece, lavoriamo duro. È nella crisi che emerge il meglio di ognuno, perché senza crisi tutti i venti sono solo lieve brezze.

Finiamola una volta per tutte con l’unica crisi pericolosa, che è la tragedia di non voler lottare per superarla.

(A. Einstein, Il mondo come lo vedo io)

In questa dichiarazione Einstein elogia la crisi in quanto darebbe la possibilità di migliorarsi, se si riesce ad affrontarla correttamente. Mi trovo in buona parte d’accordo con questa affermazione, poiché ritengo anch’io che la crisi, se affrontata con giuste scelte, può dare un beneficio. La parola crisi deriva dal greco κρίσις ( krisis) ovvero scelta; questa può essere o positiva, e portare dunque a un miglioramento, o negativa, e portare dunque a un peggioramento.

Far vivere una persona, o un gruppo di persone, continuamente in crisi però è disumano poiché questo a lungo andare non farà altro che portare a un logoramento e degrado; l’essere umano non è fatto per vivere continuamente in uno stato di crisi, tensione, lotta con sé stesso contro gli altri e contro il mondo circostante, altrimenti si estinguerebbe. Bisogna anche precisare che non esiste un solo tipo di crisi, ma molti tipi di crisi; esempi sono le crisi politiche, economiche, sociali, spirituali. Crisi che sono prima di tutto individuali, e poi possono essere collettive.

Per crisi individuale si intende una crisi che riguarda il singolo individuo, che lo obbliga a mettere in discussione molte delle sue certezze e che lo obbliga a prendere un altro percorso nella sua vita.

Per crisi collettiva si intende una crisi che riguarda una moltitudine di individui che fanno parte di una stessa società, comunità, Nazione o che può riguardare anche tutti gli abitanti di uno stesso pianeta. 

Come già detto le crisi sono diverso tipo e alcune possono portare a un miglioramento tecnologico e scientifico. Questo si è potuto osservare per esempio durante le guerre, in particolar modo durante la prima e seconda guerra mondiale; basti pensare che nei primi anni del ‘900 gli aerei erano scarsamente usati ed erano ancora biplani o triplani, mentre con le due guerre mondiali si è passati ai monoplani, o si pensi al fatto che verso la fine della seconda guerra mondiale sono stati usati per la prima volta dei missili, i razzi V2.

Altre crisi possono portare a un rinnovamento spirituale, come per esempio accadde all’impero Romano; il non riconoscersi più nelle antiche divinità pagane portò le autorità imperiali ad abbracciare il credo cristiano, facendolo diventare religione di stato.

Ulteriori crisi possono essere politiche e possono portare a un cambio di regime, che può essere migliore o peggiore del precedente, ma che comunque cerca di portare “innovazione” all’interno dello stato; esempi molto conosciuti, per diversi motivi, sono comunismo, fascismo, nazional-socialismo, regimi che si sono contrapposti durante il ‘900, in diversa maniera, alle democrazie rappresentative occidentali, diventando delle alternative politiche. Infine, crisi gravi, sul piano collettivo, sono le crisi economiche, che possono portare ad adottare nuove formule economico-sociali a vantaggio della popolazione aumentando per esempio i salari, i livelli di occupazione, la ricchezza media, oppure ad adottare soluzioni a danno della popolazione, impoverendola. Le crisi appena citate sono prima di tutto su un piano individuale, devono riguardare il singolo individuo, e possono essere risolte esclusivamente da soli; sarebbe assurdo pensare che un individuo, senza essere riuscito a risolvere i propri problemi, possa pensare di aiutare gli altri a risolvere i loro. Dunque le crisi devono essere prima risolte a livello individuale, e poi, se possibile e necessario, il singolo individuo può cercare di risolverle a livello collettivo.

Come dice Einstein la crisi è una rottura degli schemi quotidiani, che ci permette di affrontare continue sfide, e questo, se fatto per il tempo giusto e in modo corretto può portare a un rafforzamento dell’individuo e della collettività; in natura gli animali sono costantemente sottoposti al pericolo di morte e devono in continuazione competere per sopravvivere. L’uomo, tuttavia, come dice Aristotele, è un animale politico, ovvero per natura tende a stare, collaborare e organizzarsi spontaneamente con i propri simili, e per fare ciò ha bisogno naturalmente di stabilità e calma e non di un ambiente caotico, pericoloso e disordinato, a differenza delle bestie. La dimostrazione è che l’uomo ha creato una propria civiltà, mentre gli animali no, nonostante siano su questo pianeta da più tempo di noi, secondo la storia ufficiale. La cosa migliore sarebbe dunque insegnare ai membri di una società come affrontare periodi di crisi e grave crisi e sottoporli sporadicamente a periodi di prova, cercando di trovare gli individui migliori per metterli al comando della Nazione, in modo che si possano ridurre le possibilità di decadenza tramite individui non idonei.  

Si potrebbe controbattere che certi tipi di crisi possono essere indotte, per poter poi controllarne la reazione per ottenere lo scopo voluto in partenza, usando la formula hegeliana “problema, reazione, soluzione”. Questo è innegabile. Si prendano per esempio in considerazione le crisi economiche; queste, come sostenne lo stesso Milton Friedman con la sua “shock economy”, possono essere indotte e sfruttate per poter poi introdurre riforme, altrimenti prima troppo impopolari, presentandole come indispensabili. Altri esempi possono essere le crisi sociali; anche queste possono essere indotte, come fecero per esempio i colonizzatori in Africa, aizzando lotte interne tra gruppi etnici che abitavano uno stesso Stato. In ogni caso, per quanto certe situazioni possano essere indotte volontariamente da una certa persona o un certo gruppo di persone, non si può comunque affermare che le reazioni possano essere sempre quelle volute; per esempio le stragi compiute contro la popolazione civile, di un paese occupato, dagli eserciti occupanti, allo scopo di indurre a una minore resistenza, spesso producono l’effetto opposto. Si potrebbe anche obiettare che l’uomo non è fatto per vivere in stati di crisi ma è fatto per vivere in un ambiente che renda tutto facile e non crei alcun tipo di ostacolo. Per rispondere a questa obiezione si può usare questo aforisma: tempi avversi creano uomini forti, uomini forti creano tempi tranquilli, tempi tranquilli creano uomini deboli, uomini deboli creano tempi avversi. Questo vuol dire che c’è un ciclo continuo dove gli uomini devono necessariamente, nel momento del bisogno essere in grado di saper fronteggiare le crisi e le avversità del tempo, mentre al contempo non dovrebbero lasciarsi andare nella mollezza e debolezza se non vogliono in futuro trovarsi in situazione di grave difficoltà. Su questo concetto esistono molti esempi di diverso tipo, da quelli storici a quelli politici. Un esempio storico può essere l’antica Repubblica di Roma, dove la debolezza della classe dirigente, composta da individui poco degni, ha generato corruzione, la conseguente decadenza temporanea dello Stato e la guerra civile, mentre esempi politici possono essere “scandali” di corruzione di vari partiti e uomini politici, creando indubbiamente un degrado e impoverimento a livello nazionale. 

Concludendo, le crisi possono generare, per diverse ragioni, risultati positivi o negativi. Il singolo individuo e la collettività di uomini non possono vivere costantemente in uno stato di lotta perenne, in quanto questo sarebbe distruttivo, ma non possono neppure vivere o ambire di vivere in uno stato di rilassamento totale e mollezza, in quanto anche questo sarebbe distruttivo; devono pertanto trovare una forma di equilibrio, ovvero una stabilità che consenta comunque di prepararsi ed essere pronti ad eventuali trasformazioni, senza permettere periodi di debolezza. In caso di crisi bisogna inoltre sapere come indirizzarla altrimenti da occasione proficua per un miglioramento potrebbe diventare un’esperienza distruttiva. A questo scopo si può usare la formula orientale “cavalcare la tigre”, ovvero non opporsi a un periodo di crisi ma sapere come attraversarlo senza subirne gli effetti negativi e sfruttandolo per un miglioramento, così come è impossibile opporsi direttamente alla tigre e per evitare di essere una sua vittima bisogna cavalcarla, ottenendo anche dei vantaggi, fino a quando questa non sarà stanca e allora potrà essere uccisa senza rischiare danni. 

Alberto Giannattasio